Radical chic(k)

Le mirabolanti avventure dei Polletti radical

Radical-chic non è solo una parola, la cui creazione è dovuta ad un giornalista americano, Tom Wolfe, per definire certa gentaglia di derivazione fortemente borghese raccolta attorno ad uno spettacolo teatrale messo in scena per foraggiare le Pantere Nere (marxisti-leninisti-maoisti di colore), fortissime negli anni 70.

In Italia se ne appropriò Montanelli per prendersela con la Camilla Cederna (Lettera a Camilla, Corriere della Sera).

“…a chi denuncia la borghesia da borghese e i suoi snobismi da snob. Perché nessuno, Camilla mia, lo è più di te”

E se la prese un po’ con tutti i rivoluzionari da salotto, pseudo-intellettuali ricchissimi che serpeggiavano nell’Italia degli anni di Piombo.

Nella Pugliamigliore il rinverdirsi del fenomeno sotto nuove vesti (non ci sono più le bombe di Piazza Fontana, e siamo ben lontani dai cocktails con estremisti di colore nell’Upper East Side, con vista su Park Ave) ha privato Radical-chic della sua accezione fortemente negativa, portando a definire, sì il paradosso dell’Antifà con i soldi di papà (e qui cito la letteratura da murales), ma ingentilendolo, rendendolo un quasi buffamente tenero stereotipo.

Quindi scambiamo la spocchia dei giovanotti con grandi sciarpe riecheggianti Kefiah, sandali, giusto mix di equoesolidale e Quadra, che ascoltano gli Mgmt e Battiato e non si perdono una prima all’Abc per chic radicalismo, senza che i soggetti pretendano in alcun modo di fare la rivoluzione andando all’Umbria Jazz o mangiando piatti ben conditi con curcuma e curry.

Adesso, perdio, prendiamo una decisione chiara per una buona volta: radical chic, oggi, in Italia, in Puglia, è una generalizzazione per “accuratamente trasandato e selettivo nei gusti musicali” o è ancora un carico insulto mondanelliano?

In chiusura, da Wikipedia, il radical-chic nelle altre nazioni

 

 

Francia: Gauche caviar, Bourgeois-bohème (o Bo-bo)
Germania: Toskana Fraktion
Australia: Chardonnay socialist
Finlandia: Socialiste vin rouge
Irlanda: Smoked salmon socialist
Paesi Bassi: Socialiste de salon
Inghilterra: Champagne socialist
Svezia: Gauchiste vin rouge
USA: Radical chic, Limousine liberal, Liberal elite
Spagna: Progres
Bosnia ed Erzegovina: čova-buraz raja

Annunci

Informazioni su mursie

Quando avevo vent'anni credevo che mi sarei salvata. Nei propilei dei trenta mi sono resa conto che sta andando tutto bene. E che uso parole come propilei senza provare vergogna alcuna.
Questa voce è stata pubblicata in fatti, labbari. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Radical chic(k)

  1. dipende molto dal genere di persone che frequenti, posti etc. etc., evidentemente.

  2. antonetti giada ha detto:

    sembri la prima delle radical chic

  3. mursie ha detto:

    Mai detto il contrario.
    Se mi conoscessi avresti addirittura più ragioni di dirlo :)

  4. Pingback: mi si chiedeva se mi piacciono gli Strokes. Su-per-giù così | La rivincita dei bloggers

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...