Come rischiare di sembrare una prostituta ad un concerto

Ho vissuto sette minuti da pretty woman.

Mi vesto in fretta per prendere il treno al volo, che il signor D è a Proforma. Gonna nera, camicia, maglioncino bianco soffice soffice. Lancio nella borsa la matita nera e il mascara, i fazzolettini e il cellulare. Raggiungo la stazione e salgo sul treno in corsa (no, non proprio così, però fa più epico). Ad un certo punto mi accorgo che la calza sinistra sta crollando miseramente sulla gamba. Tragedia. Scendo dal treno mantenendo la fascia di pizzo della calza. Se non dovesse bastare, ad aggiungersi alla penosità della scena si aggiungono uno stranuto e la borsa che non si apre. Percorro via Sparano controllando i movimenti per non ammazzare completamente la mia dignità. Il primo tratto mi offre uno spettacolo apocalittico: tutte le vetrine spente. Attraverso piazza Umberto, tiro su la calza un paio di volte attenta a non farlo troppo in vista. Intercetto tre sguardi di pietà e due di bramosia (beh, qualunque gamba diventa sexy con il pizzo della calza che vien fuori dalla gonna). Supero Vuitton, Gucci, Laterza, Disney Store. Ed eccolo, dopo una sfilza di negozi chiusi e serrande abbassate, l’unico aperto di tutta Bari, l’unico che mi serve : CALZEDONIA. Ormai sfinita lascio cadere la calza sinistra, freddo e pelle d’oca. Compro un paio di collantnerivelati40den, li indosso nel camerino. Uscendo saluto con un sorriso le commesse, che avrei voglia di baciarle ma non posso, è tardi e c’è “la miglior jazz band d’Italia” che ci aspetta in teatro.

Bello davvero il concerto, ha orecchio il mio speaker preferito.

In questo post si è fatta pubblicità a un negozio, a delle ferrovie, a uno spettacolo (se siete in tempo provate ad andare al Piccinni stasera, lui è Nicola Conte, lo spettacolo inizia alle 21.30 puntualissimo) .

Annunci

Informazioni su mursie

Quando avevo vent'anni credevo che mi sarei salvata. Nei propilei dei trenta mi sono resa conto che sta andando tutto bene. E che uso parole come propilei senza provare vergogna alcuna.
Questa voce è stata pubblicata in labbari, stimoli esterni e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Come rischiare di sembrare una prostituta ad un concerto

  1. Gianvito Rutigliano ha detto:

    :D

    questo è un post divertente. che tutti lo sappiano.

  2. Franci Z. ha detto:

    francescomalferrari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...