Quel giorno che anche io camminavo sull’acqua

E ricordi quanto pioveva quel giorno?

Era Novembre e tu avevi le Converse gialle. Tua madre avrebbe urlato vedendoti così, avrebbe urlato qualcosa a proposito delle scarpe. Pensavi a lei mentre correvi per strada.

Pensavi a tua madre, alle scarpe troppo leggere per il pieno autunno, alle scarpe gialle che vanno sempre bene (a quel paese le stagioni).

Pensavi alla persona per cui stavi passeggiando in quelle condizioni. Pensavi a Dino mentre camminavi sull’acqua.

Neanche a Gesù veniva così bene.

Annunci

Informazioni su mursie

Quando avevo vent'anni credevo che mi sarei salvata. Nei propilei dei trenta mi sono resa conto che sta andando tutto bene. E che uso parole come propilei senza provare vergogna alcuna.
Questa voce è stata pubblicata in farfalle e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Quel giorno che anche io camminavo sull’acqua

  1. duni ha detto:

    E Dino, dalla riunione numero 5 di giornata, ti scrive e ti pensa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...