a tirarla, si spezza (anche per chi, a volte, è capace di far miracoli)

(…) mi feci portare in Senato in lettiga; chiesi il permesso di entrare così nella sala delle deliberazioni, e di pronunciare la mia allocuzione stando disteso, sostenuto da un mucchio di guanciali. Parlare mi stanca: pregai i senatori di stringersi in cerchio intorno a me, per non esser costretto ad alzare la voce.

( da Marguerite Yourcenar, Memorie di Adriano)

 In silenzio chiedo la possibilità di sfogarmi, qui e non altrove. Chiedo di poterlo fare in uno spazio che mi appartiene. Chiedo, ai più attenti, di non fare facili 2+2. Chiedo, ai più premurosi, di non preoccuparsi per quel 4, risultato ovvio. Non ho parlato molto ultimamente, parlare mi stanca. Non fatemi alzare la voce, avvicinatevi per favore.

 

 

 

Ecco, ho detto quello che dovevo. E’ nello spazio bianco.

 

Nulla

Annunci

Informazioni su mursie

Quando avevo vent'anni credevo che mi sarei salvata. Nei propilei dei trenta mi sono resa conto che sta andando tutto bene. E che uso parole come propilei senza provare vergogna alcuna.
Questa voce è stata pubblicata in farfalle. Contrassegna il permalink.

2 risposte a a tirarla, si spezza (anche per chi, a volte, è capace di far miracoli)

  1. duni ha detto:

    Amor vincit omnia.

  2. Dave Stravoz ha detto:

    Mmm… ti stanca parlare? mmm… allora è grave??
    Salut.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...