e venne il giorno della partenza

E’ la fine di un’era, si disse lei. Cara, è la fine delle tue umiliazioni, le rispose un coro celeste.

Adesso che lui è lontano 2,112 km (google maps e la sua infinita conoscenza) potrebbe voltare pagina, smetterla di vergognarsi del sogno che ha fatto la notte scorsa e quella prima, sorridere al nuovo giorno. E’ quello che devo promettere di fare, si disse lei. Se non lo fai ti consumerai velocemente, le rispose un coro celeste.

Annunci

Informazioni su mursie

Quando avevo vent'anni credevo che mi sarei salvata. Nei propilei dei trenta mi sono resa conto che sta andando tutto bene. E che uso parole come propilei senza provare vergogna alcuna.
Questa voce è stata pubblicata in farfalle e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a e venne il giorno della partenza

  1. breakfast on pluto ha detto:

    sai, diceva marilyn monroe… la mia anima mi fa orrore come gli occhi delle rane sull’orlo di un fosso… forse sei nella stessa situazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...